fbpx
BOOK
NOW
Data di arrivo
Data di partenza
Camere
Adulti
Bambini
Codice sconto

Eccoci pronti per continuare il nostro percorso alla scoperta di Loano. Nel post precedente abbiamo fatto un piccolo tour delle fontane della città, opere di artisti di fama internazionale, concludendo con l’elogio della bellezza e dell’efficienza del mare e delle spiagge attrezzate. Oggi vogliamo parlare dei monumenti che abbelliscono la città, del porto turistico e dell’entroterra loanese.

Monumenti da vedere

Innanzi tutto occorre specificare che è merito della famiglia Doria se Loano può vantarsi di avere monumenti e palazzi di notevole interesse, infatti nel XIII secolo, precisamente nel 1263, la città venne ceduta dal vescovo di Albenga a Oberto Doria.

Il castello  

Oberto Doria fece costruire il suo castello su di vecchio rudere che dominava tutta Loano, in una posizione panoramica, su di un colle che si affaccia sulla pianura.

La sua edificazione è iniziata prima del XII secolo, anche se inizialmente era un recinto fortificato. Quando il comando di Loano è passato alla famiglia Doria, appunto, si è trasformato nella residenza dei feudatari fino ad assumere nel XVI, XVII secolo il suo aspetto attuale di palazzo in stile rinascimentale.

È stato poi venduto ai Fieschi nel 1505 e riconsegnato alla famiglia Doria nel 1547 che lo ha gestito fino al 1736, quando il territorio di Loano è divenuto dominio del Regno di Sardegna.

Centro Storico

Il centro storico di Loano vanta numerosi palazzi di interesse storico e artistico; tra i più famosi non si può non citare Palazzo Doria, edificato nel 1578, nato come residenza di Andrea Doria e della moglie, appartenente alla famiglia dei Del Carretto. L’edificio, che oggi è sede del comune, è stato progettato da Galeazzo Alessi, ingegnere capo di Genova e architetto rinomato; il palazzo è stato costruito come una fortezza, infatti ad ovest si erge una torre pentagonale che riproduce il perimetro delle mura.

Ad arricchire il palazzo vi sono i giardini, che tutt’oggi vengono sfruttati come teatro a cielo aperto, la fontana Giovanna, e il loggiato che si affaccia sulle mura che circondano il palazzo.

Porta Passorino

È collocata su di una traversa che conduce dal centro al mare e nel cuore del “budello”, fatta costruire da Giovanni Andrea I Doria, è una delle quattro porte che si aprivano nella cinta muraria e chiudevano il borgo a ponente.

Nel 1774 vi è stata costruita sopra con una torretta, decorata da stemmi sabaudi e arricchita da un orologio e una campanella. Da lì, attraverso una loggia tutt’oggi visibile si poteva accedere al baluardo sud.

Marina di Loano

Si tratta di un moderno ed efficiente porto turistico che offre servizi all’avanguardia. Realizzata con il massimo rispetto per l’ambiente e un impatto minimo sull’ ecosistema, il porto ha ottenuto la Bandiera Blu nel 2011 e 2012.

È dotato di un cantiere navale che si serve di tecnologie avanzate, ed è il secondo dopo quello di Genova.

Arricchita da negozi e attività commerciali per soddisfare a pieno i bisogni dei turisti in vacanza ma non solo. Il centro ricreativo, vero cuore pulsante del porto è rappresentato dallo Yacht Club.

Chi ama gli sport acquatici come il diving non rimarrà deluso, infatti potrà partecipare ai corsi organizzati dalla scuola di vela e windsurf.

L’entroterra

Il paesaggio che circonda Loano è tipico della Liguria: alle spalle del mare si affacciano i terrazzamenti collinari e i monti. Questo consente di spendere non solo giornate alla spiaggia, ma anche nell’entroterra, dedicandosi a qualche rilassante passeggiata.

Dalla frazione di Verzi, è possibile raggiungere attraverso un sentiero la chiesa di San Martino, situata su di un colle ad un’altezza di 180 m: da qui si può godere di una splendida vista sulla vallata circostante.

Sempre prendendo Verzi come punto di riferimento si può percorrere il sentiero che conduce al rifugio a Pian delle Bosse per ammirare la vista a 180 gradi sul mare. Per chi punta in alto consigliamo il percorso che conduce sulla vetta del monte più alto della provincia di Savona, il  monte Carmo.

Agli amanti delle escursioni e dei trekking consigliamo di dare un’occhiata al sito del CAI di Loano.